mercoledì 7 ottobre 2015

Un salto nel vuoto

Lo so io.
Lo sai anche tu.
E' stato un grande errore.


Sbagliato, imprevisto e temporaneo.
Astratto e privo di qualsiasi pudore.
Vissuto, rincorso fino a perdere il fiato e strappato dalle mani del passato.
Consumato, abbandonato e perso.

"E vivimi adesso come se domani non potessi più neanche guardarmi"


Ti ho cercato nelle notti d'estate credendo di poter trovare un posto sicuro. Un mare in cui lasciarmi andare perché era giusto così. Doveva per forza essere giusto così.
Ti ho cercato nel mondo, fra le pagine di un libro e nelle note di canzoni impensabili, senza mai guardami indietro.

"Say baby I love you"



Ripetevo a me stessa quanto fossi nel giusto, quanto le mie convinzioni fossero realmente fondate.
Ma lo so io e lo sai anche tu che da certi occhi non scappi più.


Più i giorni passavano più pezzi perdevo.
Un gioco sadico di cui non ho mai capito le regole.
Un'avventure senza alcun tipo di guida.
Un libro senza alcun finale.


Siamo così brave a confondere una passione eterna con un fuoco temporaneo.
Siamo così brave a lasciarci trascinare in vortici oscuri dimenticando ogni punto di riferimento.
Siamo così brave a sprecare tempo, quando in realtà non ne abbiamo.
Siamo così brave ad aspettare

Un messaggio, una chiamata, un sorriso, una parola in più, che non arriva mai nel momento giusto.



Come fissare una pagina bianca senza sapere da dove iniziare.
Come quando hai talmente tante cose da dire, ma preferisci stare in silenzio.
Come quando "se non ha funzionato quello che ci perde è lui".

Come quando finiamola con tutte queste stronzate moraliste e usciamo a berci una birra.



Il letto sfatto, le sigarette in terrazza e i vestiti sparsi in ogni dove.
La piadina per cena e un vestito bianco stropicciato.

Il telefono che squilla, le ore della notte scandite da respiri sempre più forti, la paura e il lunedì al mare.
Un Hendrick's appoggiato al bancone e le braccia che si muovono nell'aria.
Mani curiose che disegnano una vita intera.
Baci fugaci che parlano un linguaggio che ancora riconosco.


Mettersi in gioco è necessario, ma conoscere le regole è fondamentale
Non sfidare il buio se poi non sai uscirne da sola ragazzina.



"Dai che nessuno ci guarda.
Andiamo.
Adesso."

Nessun commento:

Posta un commento